Borgo dei borghi Vigoleno

Borgo dei borghi: Vigoleno, e il suo bellissimo castello in Emilia Romagna

Il borgo dei borghi ha presentato Vigoleno per competere con altri 60 paesi

Il programma il borgo dei borghi diretto da Camilla Raznovich, ha mostrato Vigoleno per partecipare alla selezione del borgo più bello d’Italia. Nelle scorse puntate hanno già partecipato alcuni borghi sparsi per l’Italia, qui trovate i loro articoli.

Vigoleno fa parte della lista dei Borghi più belli d’Italia, proprio grazie al suo aspetto medievale, infatti sorge lungo la Via dei Castelli del Ducato di Parma e Piacenza. Sicuramente le sue imponenti mura merlate vi lasceranno senza parole, con le loro perfette condizioni.

Borgo dei borghi Vigoleno

Borgo dei borghi, Vigoleno: come arrivare

Per raggiungere Vigoleno se arrivate da Milano, dovrete prendere l’uscita Fiorenzuola D’Arda e seguire le indicazioni per Parma. Dopo Alseno, alla prima rotonda, svoltate a destra e seguite le indicazioni per Vigoleno.

Se invece provenite da Bologna, prendete l’uscita di Fidenza, percorrete la tangenziale per Piacenza e dopo circa 4 km, imboccare la terza uscita della rotonda e seguire le indicazioni per Vigoleno.

Borgo dei borghi, Vigoleno: cosa vedere

Borgo dei borghi Vigoleno

Una volta entrati nel Borgo si avrà la sensazione di essere tornati indietro nel tempo, infatti il centro storico è tutto racchiuso all’interno delle antiche mura che sono percorse da un bellissimo camminamento.

La via d’ingresso è fortificata si chiama Rivellino e in caso d’assedio era possibile isolare il paese. La prima tappa è quella del Mastio, un’antica torre di quattro piani in cui è ospitato un percorso informativo su Vigoleno e sulla sua architettura. Alla fine del percorso raggiungerete la cima dalla quale ammirerete un panorama fantastico.

Usciti dal Mastio, percorrete il camminamento per giungere all’altra torre, dove si trova la parte residenziale del paese. Nella prima piazza che incontrerete una volta varcata la porta d’ingresso, potrete facilmente notare la fontana cinquecentesca e l’oratorio della Madonna delle Grazie.

Dalla seconda torre potrete percorrere un ponte levatoio per raggiungere il Castello che è stato distrutto e ricostruito più volte nel succedersi delle famiglie più importanti del Piacentino.

Vi consiglio di entrare e visitare il piano nobile, in cui si trova un piccolo teatro settecentesco, di soli 12 posti.

La bellissima Pieve di San Giorgio, è un’esempio d’architettura romanica sacra con una facciata abbastanza semplice. All’interno invece custodisce preziosi tesori, quali affreschi trecenteschi e quattro statue fatte in legno. Questa Chiesa è una delle tappe più importanti del Cammino della via Francigena Italiana.

Un altro punto d’interesse è il museo degli Orsanti che si trova nella Casa Tanzi nel quale sono ospitate fotografie, documenti ed oggetti che ripercorrono la storia del borgo e dei suoi personaggi illustri.

Vi consiglio di assaggiare il passito, che viene fatto soltanto da poche aziende locali a produzione limitata.

Nel caso abbiate dubbi o domande potete commentare qui sotto oppure contattatemi risponderò il prima possibile, se volete consigli per organizzare il viaggio chiedete senza problemi. Trovate utili questi articoli? condividete sui social e seguitemi. Se volete leggere gli articoli degli altri borghi, potete farlo qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *