Borgo dei borghi Sesto al Reghena

Borgo dei borghi: Sesto al Reghena, paese del Friuli Venezia Giulia

Il borgo dei borghi ha presentato Sesto al Reghena per competere con altri 60 paesi

Il programma il borgo dei borghi diretto da Camilla Raznovich, ha mostrato Sesto al Reghena per partecipare alla selezione del borgo più bello d’Italia. Nelle scorse puntate hanno già partecipato alcuni borghi sparsi per l’Italia, qui trovate i loro articoli.

Sesto al Reghena è un comune di circa 6000 abitanti e sorge nella bassa pianura veneto-friulana, al confine con la Provincia di Venezia. Quindi facilmente raggiungibile dalle maggiori città del Nord, vediamo insieme come!

Borgo dei borghi, Sesto al Reghena: come arrivare

Sesto al Reghena si trova a breve distanza dal mare, infatti in mezz’ora è possibile raggiungere le spiagge di Lignano Sabbiadoro Bibione e Caorle.
Partendo da Udine bastano 45 minuti per arrivare a Sesto al Reghena, passando per Codroipo e San Vito al Tagliamento. 
Anche l’aeroporto Marco Polo di Venezia e quello di Rochi dei Legionari sono collegati a Sesto dall’Autostrada A4.

Borgo dei borghi, Sesto al Reghena: cosa vedere

Borgo dei borghi Sesto al Reghena

L’attrazione più importante è sicuramente Santa Maria di Sesto, una delle più importanti istituzioni monastiche del Friuli. Per entrare si passa sotto la torre Grimani, che fino al 700 era dotata di ponte levatoio contro i possibili attacchi nemici. Tutto il borgo ha in totale 7 torri per la difesa della città, come ad esempio l’altissima torre campanaria.

Il borgo inoltre possiede moltissimi antichi palazzi come ad esempio quello degli Abati che ha un portico d’accesso al vestibolo della chiesa di Santa Maria.

Da non perdere è sicuramente la chiesa abbaziale, la quale possiede moltissime opere e pitture, in particolare nella zona presbiteriale. Inoltre è possibile ammirare la quattrocentesca Pietà in pietra arenaria verniciata a olio e la scultura in marmo che raffigura l’Annunciazione

Borgo dei borghi Sesto al Reghena

Uscendo fuori dal borgo vi consiglio di vedere villa Fabris e Villa Freschi, con le loro bellissime facciate monumentali.

Vi consigli di visitare l’antico mulino di Stalis, la chiesetta campestre di San Pietro e la segheria del XVIII secolo.

Se vi trovate in zona nel periodo di Natale, vi consiglio di vedere il presepe vivente che viene fatto nel parco dell’abbazia, il 24 e il 26 dicembre degli anni pari.

Se avete tempo fermatevi ad assaggiare il petto di faraona con radicchio, prosciutto crudo e patate alla contadina una vera delizia!

Nel caso abbiate dubbi o domande potete commentare qui sotto oppure contattatemi risponderò il prima possibile, se volete consigli per organizzare il viaggio chiedete senza problemi. Trovate utili questi articoli? condividete sui social e seguitemi. Se volete leggere gli articoli degli altri borghi, potete farlo qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *