Borgo dei borghi Barga

Borgo dei borghi: Atzara, il paese del Mandrolisai in Sardegna

Il borgo dei borghi ha presentato Atzara per competere con altri 60 paesi

Il programma il borgo dei borghi diretto da Camilla Raznovich, ha mostrato Atzara per partecipare alla selezione del borgo più bello d’Italia. Nelle scorse puntate hanno già partecipato alcuni borghi sparsi per l’Italia, qui trovate i loro articoli.

Principalmente la Sardegna è conosciuta per le sue stupende spiagge e il mare! Piano piano prende sempre più piede il turismo nell’entroterra. Quest’ultimo infatti nasconde incantevoli tesori e una cultura millenaria che ancora oggi è viva.

Ogni anno nel periodo autunnale inizia una bellissima manifestazione chiamata “Cortes Apertas” in cui è possibile ammirare le case antiche, i vecchi mestieri e gli usi e costumi del posto. Vi consiglio pertanto di visitare questi paesi in questo periodo di festa.

Atzara è un bellissimo borgo medievale che nasce nel Mandrolisai attorno all’anno 1000, al confine fra le due province di Nuoro e Oristano. Il paese, e stato proclamato più volte uno dei cinque borghi sardi più belli d’Italia. Girando per il paese, si nota che le case più antiche presentano decorazioni a scalpello sulle cornici di porte e finestre. Appena fuori dal paese troviamo subito boschi e colli coltivati a vigna, da cui si ottiene un famoso vino Mandrolisai.

Borgo dei borghi, Atzara: come arrivare

Atzara si trova in provincia di Nuoro, sul versante occidentale del Gennargentu e confina con i comuni di Belvì, Meana Sardo, Samugheo, Sorgono.

Per raggiungere Atzara da Cagliari si percorre la SS 131 in direzione Monastir sino allo svincolo per Sanluri, continuando sulla SS 128 in direzione Laconi e procedendo fino ad Atzara.

Mentre se partite da Olbia, seguite la Strada Statale 131 Diramazione Centrale Nuorese in direzione di SP24 a Sedilo. Prendi l’uscita verso Olzai da Strada Statale 131 Diramazione Centrale Nuorese dopodiché prendi Strada Provinciale 84 in direzione di Strada Statale 128 Centrale Sarda/Via Vittorio Emanuele/SS128 per poi uscire ad Atzara.

Borgo dei borghi, Atzara: cosa vedere

Borgo dei borghi Barga

Percorrendo la strada per arrivare in questo borgo, rimarrete affascinati dall’ambiente del Mandrolisai con i suoi bellissimi vigneti. Una volta arrivati rimarrete inizialmente delusi vedendo la parte nuova di Atzara ma quando entrerete nel centro storico, capirete perché fa parte dei borghi più belli d’Italia.

Le abitazioni nel centro storico comprese le chiese, sono tutte costruite in granito e trachite. Vi consiglio di visitare i rioni più antichi di Atzara che sono: Su Fruscu e Sa Montiga ‘e Josso.
Nell’organizzazione della visita in questo borgo, vi consiglio di partire dal museo per immergervi subito nella storia antica e recente di Atzara.

Consiglio poi una visita alla chiesa di San Giorgio, la più antica del borgo del 1205, costruita con una navata unica, una facciata in pietra e il campanile a vela. La chiesa più bella e monumentale è quella che si trova in piazza Sant’Antioco, la chiesa parrocchiale di Sant’Antioco con uno stile pisano-aragonese e interno gotico, con pianta a tre navate. Da fuori noterete immediatamente il rosone aragonese.
Una volta visitate la chiesa percorrete la stradina sulla sinistra della parrocchiale, vi troverete in un susseguirsi di antiche case contadine con grandi portoni e bellissimi cortili.
Girovagando per Atzara, vi troverete sicuramente più volte di fronte ai magasinos, che sono delle antiche cantine in cui vengono custodite le botti e le bottiglie di Mandrolisai e Moscato.

Durante la visita vi consiglio di provare il piatto tipico del posto che è Sa tumballa, un primo di pasta al forno formato da pipe rigate, formaggio, uova, pan grattato e sugo con carne di maiale e zafferano.

Nel caso abbiate dubbi o domande potete commentare qui sotto oppure contattatemi risponderò il prima possibile, se volete consigli per organizzare il viaggio chiedete senza problemi. Trovate utili questi articoli? condividete sui social e seguitemi. Se volete leggere gli articoli degli altri borghi, potete farlo qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *